Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 14 maggio 2017

Giannini: Quel piano ignorato dal governo per deviare i barconi in Tunisia / LaStampa: I microbi africani rafforzeranno i nostri bimbi

Interessante questo sito segnalato da NukeTheWhales


Giulio Lolli - Una soluzione al problema dei migranti dalla Libia
(...) L’Unione Europea dovrebbe allestire a proprie spese campi di raccolta e riconoscimento profughi direttamente qui in Libia, in accordo con il governo di Tripoli e la città di Zuara. 
I migranti si fermerebbero in questi centri per qualche settimana, riceverebbero cibo e assistenza, i loro documenti verrebbero controllati e, una volta assicurato il loro status di rifugiato o semplicemente di cittadini liberi di muoversi, con pochi soldi potrebbero acquistare un regolare biglietto aereo per il paese europeo preferito, invece di dare migliaia di euro a scafisti senza scrupoli. 
A quel punto si creerebbe la voce che in Libia ci sono controlli severi, per cui quelli che non hanno le carte in regola per espatriare non arriverebbero nemmeno più. (...) 

.. beh, a quanto pare comunque l’idea non e’ proprio originale, senti qua che si impara ora:




Capito? C’era un piano gia' tutto pronto per mandare i migranti in Tunisia, a Gerba, dove dopo gli attentati i turisti vanno sempre meno. Mantenerli li sarebbe costato anche un botto di meno. E tutti in hotel, non in campi improvvisati. Li con calma si sarebbe potuto lavorare per determinare chi ha veramente diritto allo status di rifugiato (il famoso 5% degli arrivati) e per gli altri - a cui prima o poi si dice che devono tornare a casa loro e regolarmente diventano clandestini, destinati al lavoro nero e forme di neoschiavitu’ che nel contempo massacrano ancora di piu’ il mercato del lavoro italiano e i diritti conquistati in generazioni - sarebbe stato piu’ facile tornare a casa propria. I veri rifugiati poi sarebbero potuti volare in Italia in tutta sicurezza dal vicino aeroporto di Djerba. Il tutto spendendo quasi la meta’ e una volta che la cosa fosse divenuta nota avrebbe probabilmente scoraggiato chiunque tentasse solo la fortuna dall’imbarcarsi e rischiare di affogare nelle tragiche traversate che vediamo da ormai troppi anni tutti i giorni o quasi in tv.


Perche’ non si e’ fatto cosi’? E com’e’ che gli italiani manco sanno di questa proposta?



Al di la della retorica h24 a cui siamo sottoposto da anni ormai, quella della "madonnina col bambino in fuga dalla guerra” (che poi semmai sarebbe i bambini visto che da quelle parti si fanno in media 4-5-6 figli) dietro a tutta questa storia c’e’ parecchio che puzza, ma proprio tanto. Trafficanti che hanno messo su un mercato miliardario, mafie di qua e di la del Mediterraneo, un business dell’accoglienza che come diceva Carminati “rende piu’ del traffico di droga”, traghettatori e soprattutto presidenti e boss vari di associazioni sulla cui moralita’ e spinta etica avere dei dubbi e’ proprio il minimo ... 

Ma niente, nei merDia e’ praticamente sempre la stessa favola della madonnina col bambino che scappa dalla guerra .... a furia di menarla con una narrazione palesemente falsa - arrivano quasi solo uomini di 20-30 anni, le donne sono una minoranza, solo dalla Nigeria ne arrivano in percentuali degne di nota e temo spesso per alimentari traffici come quello della prostituzione, i bambini pocchissimi. E solo un 5% ottiene il riconoscimento di rifugiato - il solo effetto che otterranno e’ di fare incazzare sempre piu’ una popolazione italiana che gia' soffre la peggiore depressione da almeno un secolo (grazie euro, fra l’altro)

Alcune altre ovvieta’ indicibili le ricorda poi qui NukeTheWhales:



Liberticida - Gommoni, ONG e Puttanazze, il mistero dei migranti in Libia si sta svelando.
(...) Tratta che è molto interessante dal punto di vista economico, se ogni migrante paga minimo 3.000 euro per arrivare sulla costa ed essere imbarcato nei gommoni quest’anno con almeno quattrocentomila migranti in transito parliamo di cifre ben oltre il miliardo di euro. Soldi a cui andranno aggiunti i fondi stanziati dai governi occidentali per “fermare il traffico”. 
Un bel business anche quelle delle navi controllate dalle ONG che prelevano i migranti stessi a poche miglia dalla costa. Ricordiamo che tanti soldi confluiscono in queste ONG, organizzazioni che non pubblicano bilanci e che investono a loro discrezione, stipendiando tra l’altro i “volontari” che per qualche migliaio di euro al mese accolgono i migranti. Tutto legittimo, per carità. 
Pensavate che i medici e gli infermieri lavorassero gratis? Di questi tempi anche i 2.700 euro che Medici Sans Frontieres e Emergency pagano ogni mese sono soldi anche per un neolaureato, spesso costretto ad accontentarsi di molto meno, lavorando e facendo i turni per una clinica privata in Italia. E poi fa curriculum. 
A questo punto è facile immaginare che gli scafisti telefonino direttamente alle ONG (cosa tra l’altro riportata nel rapporto Frontex, non da siti complottisti) o che siano le luci stesse delle navi al largo che indichino agli scafisti quando partire, sia come sia gli scafisti sanno esattamente quando far partire i gommoni. Droni e satelliti ormai controllano le coste libiche e movimenti strani di vecchie navi mercantili o pescherecci sono facilmente rilevabili. Senza i gommoni realizzati da “misteriose” aziende tunisine, che incassano decine di milioni di euro all’anno per i loro servizi, i migranti semplicemente non potrebbero partire. 
Infatti si è appena aperta una nuova rotta, i migranti provenienti dal Bangladesh arrivano in Egitto con l’aereo, da lì compiono un lungo viaggio attraverso il Sudan e la Libia fino ad arrivare a Zuara, diretti verso l’Italia. 
Cosa vengono a fare in italia? 
E’ presto detto, sono appartenenti alla classe media, comunque in Italia si sta meglio che nel loro disgraziato paese, l’obbiettivo è quello di ottenere un permesso di soggiorno e alla lunga di potersi liberamente spostare verso altri paesi europei. Nel frattempo vanno avanti a colpi di ricongiungimento familiare al fine di garantire una pensione minima e assistenza medica gratuita agli anziani della famiglia. 

Non mi sembra strani pensare che molti di loro sono i terzi o quarti o quinti figli o sesti figli di famiglie della media borghesia. Si lascia al primo figlio maschio l’eredita’ dell’attivita’ al paese e, come facevano i vikinghi, ai figli cadetti si lascia che vadano a cercare fortuna altrove .. magari anche per tutto il resto della famiglia. 



Altri benvenuti dalle organizzazioni di assistenza, che ricevono miliardi di euro per sfamarli e assisterli, facendo lavorare tanta gente, italiani che altrimenti resterebbero disoccupati. Lavoranti nelle coop, insegnanti di italiano e altri, tutti volti buoni per una certa parte politica e per il controllo del territorio. 
Del migrante non si butta via niente, e poi mica hanno l’etichetta con la scadenza!

Non riderei tanto di chi fa questo ragionamento: le sicurezze sociali, sanita’, pensioni, che qui in Europa sono state lentamente e duramente create non sono manco per sbaglio la regola nel resto del mondo e impedirsi di pensare che non facciano gola mi pare ridicolo.




E’ soprattutto questa atmosfera di cose indicibili, proibite che mi fa incazzare, questa specie di pensiero unico, non puoi dire bah che ti saltano alla gola, come cani pavloviani, che mi preoccupa e mi fa pensare a come doveva sentirsi un dissidente sotto il fascismo. 

Una nuova forma di fascismo soft questo del XXI secolo, che incredibilmente riesce ad usare diritti degli omosessuali e lesbiche, migranti e no borders, come foglie di fico e strumenti per attuare politiche iperliberiste al riparo ed anzi protetti dai popoli di sinistra, ormai giustamente degni di essere chiamati sinistrati.


Vota il candidato dei banchieri Rothschild e Attali se no arrivano i fascisti! Tieniti l’eurone “che ti protegge” e istituzioni bruxellesi in mano a 20mila lobbisti di multinazionali e iperbanche se no arrivano i nazionalismi e le cavallette. Fai finta di niente su tutte le rogne e la merda che gira attorno ai migranti perche’ la societa’ multietnica sara’ bellissima (anche se tutti disoccupati. Nooo, tensioni sociali aggiuntive? Ma cheddicimai?) e se dici ma sei un fascista-nazista-razzista degno di un trattamento di rieducazione in un gulag.





---

Intanto il pensiero unico che domina su Tg e giornali, sta raggiungendo ormai vette impensabili, ben oltre l’improbabile ...




















Qui trovate anche il testo apparso su La Stampa in cui si magnificano "i batteri africani che ci renderanno piu’ forti”: 





3 commenti:

  1. Risposte
    1. mah, qui semai si parla di “vaccini" NATURALI dall’Africa ... dici che se per caso arrivano nuove epidemie occorrera’ ricorrerei ai loro prodotti? ... in effetti. No, l’avevo intesa piu’ come propaganda ideologica, tipo eugenetica nazista ma al contrario (leggere la Tampieri, magari un po’ tirata ma sempre interessante e divertente)

      Elimina
  2. Ieri mi son visto un tg regionale dell’Emilia-Romagna.

    “gli immigrati ormai sono il 12% delle imprese in regione” Che bello .. e intervistavano un distinto signore africano inquadrando, en passan, il suo premio MONEYGRAM che aveva sul tavolo .. cioe’ sapete cos’e’ moneygram? Il modo che usano per spedire soldi nel loro paese spesso e volentieri evadendo le tasse. Che moneygram desse anche premi (proprio la coppetta con la targetta! :D) non lo sapevo .. chissa’ perche’ l’ha vinto ....

    Notizia dopo: presente quella vecchia inguardabile coi capelli stile medusa rosso fuoco che hanno fatto, cosa, ministro anche dopo beccata a millantare lauree anche se ha solo tipo la terza media? Beh, era a convegno all'universita’ di Parma. Tema: Come con la laurea hai migliori possibilita’ di lavoro.

    Cheddire? Meglio No Comment

    RispondiElimina